23/06/2024

Break Even Point metrica di sopravvivenza

Il calcolo del break-even point (BEP) è fondamentale per ogni azienda, ma può presentare particolari sfide in una piccola e media impresa (PMI) che produce beni o servizi non standardizzati.

In questi casi, le variabili da considerare sono molteplici e spesso soggette a maggiore variabilità rispetto a imprese con produzioni standardizzate.

Il BEP indica il punto in cui i ricavi totali eguagliano i costi totali, ovvero il momento in cui l’attività inizia a generare profitto. Ecco come procedere al calcolo in un contesto di produzione non standardizzata.

Identificazione dei costi fissi e variabili
Costi fissi Sono i costi che non cambiano indipendentemente dal livello di produzione o di vendita. Esempi includono affitti, stipendi fissi, ammortamenti. In una PMI, è cruciale avere un’accurata contabilizzazione di questi costi, che possono essere più variabili rispetto a grandi aziende a causa di contratti meno vantaggiosi o meno economie di scala.

Costi variabili Variano direttamente con il livello di produzione o vendita. Nei beni o servizi non standardizzati, questi costi possono essere meno prevedibili e richiedere un’analisi dettagliata. Materiali, manodopera diretta e costi di produzione variabili (come energia elettrica consumata direttamente nella produzione) rientrano in questa categoria.
Calcolo del Margine di Contribuzione (MC)
Il margine di contribuzione si ottiene sottraendo i costi variabili totali dai ricavi totali. Poiché stiamo trattando beni o servizi non standardizzati, potrebbe essere necessario calcolare il margine di contribuzione per ogni tipo di bene o servizio offerto, utilizzando una formula come:

MC = Prezzo di vendita per unità – Costo variabile per unità
Calcolo del Break-Even Point
Una volta determinati i costi fissi totali e il margine di contribuzione per unità (o per servizio), il BEP si calcola come segue:
(v. blog)

Considerazioni Specifiche per PMI con Produzione Non Standardizzata
Analisi dettagliata dei costi variabili Dato il carattere non standardizzato dei prodotti o servizi, è vitale comprendere in dettaglio i costi variabili associati a ogni offerta. Questo potrebbe significare avere sistemi di contabilità analitica molto dettagliati.
Flessibilità nei costi fissi Le PMI spesso hanno maggiori opportunità di negoziare o ridurre alcuni costi fissi rispetto alle grandi aziende, quindi è importante considerare anche queste potenziali variabilità nel calcolo.
Previsione dei ricavi Stabilire un prezzo di vendita per prodotti o servizi non standardizzati richiede un’attenta considerazione del valore percepito dal cliente e della posizione sul mercato, influenzando direttamente il BEP.
Utilizzo di Strumenti di Simulazione
In scenari complessi come la produzione non standardizzata, l’uso di software di contabilità gestionale e di simulazione finanziaria può aiutare a modellare scenari diversi, prendendo in considerazione la variabilità dei costi e dei ricavi. Questi strumenti possono offrire insights preziosi su come variazioni nei costi fissi e variabili, o nei prezzi di vendita, possano influenzare il BEP.

Per leggere tutto l’articolo:
https://www.simontacchi.net/strategia/break-even-point-metrica-di-sopravvivenza/