Novembre 28, 2022

CONSUMATORI E P.IVA DENUNCIANO: NIENTE DIALOGO SUL FISCO!

Partite Iva Nazionali e Movimento Consumatori segnalano: “Abbiamo chiesto più volte un dialogo al Ministero e al Governo per collaborare su Fisco e riforme ma nulla. A questo punto segnaleremo senza sconti tutto ciò che non va”.

Movimento Consumatori e PIN fanno sapere di aver chiesto nelle settimane scorse alle istituzioni un incontro senza ottenere alcun riscontro.

Segnala il VicePresidente nazionale di Movimento Consumatori, il Dott. Bruno Maizzi “Siamo basiti, abbiamo fatto più volte presente al Governo e al Ministero delle Finanze come la legge preveda il coinvolgimento delle associazioni di consumatori come la nostra per la riforma di accertamenti come il Redditometro ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.

Gli fa eco anche il Presidente di PIN, il Dott. Antonio Sorrento “In più occasioni abbiamo chiesto di poter contribuire alla riforma sul Fisco, partendo in particolare da un rapporto diverso e più collaborativo tra cittadini e Amministrazioni ma dobbiamo prendere atto che ci troviamo di fronte a un muro. Precisiamo che le nostre richieste non sono frutto di invenzioni ma di problemi oggettivi riscontrati da tanti cittadini e sintomatiche sono le sentenze riguardanti nostri associati che hanno dovuto affrontare giudizi lunghi e dispendiosi che si potrebbero evitare con un po’ di collaborazione. Segnalo, ad esempio, la sentenza di Lecce di pochi mesi fa che aveva annullato oltre 130.000 euro di pretese illegittime a carico dei contribuenti e che è stata riportata su tutte le agenzia di stampa nazionali (vedi articolo da qui)”.

Continuano il Dott. Maizzi e il Dott. Sorrento “Vista la mancata collaborazione abbiamo deciso che daremo il massimo supporto informativo a tutti i cittadini e imprese per segnalare con ancora più forza le azioni illegittime del Fisco. Inoltre, facciamo presente che a tutte le sentenze che vedranno soccombere il Fisco seguiranno nostre denunce alla Corte dei Conti”.

 

Ci auguriamo dunque una maggiore collaborazione tra cittadini e istituzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *