Marzo 1, 2024

Guerra cibernetica, prepariamoci bene

0

Dal rapporto del Clusit,  l’Associazione Italiana per la sicurezza informatica, a fronte di una crescita mondiale degli attacchi informatici del 21%, l’Italia ha visto nel 2022 un aumento record del 169%.
Il 2022 registra l’anno peggiore di sempre per la cybersecurity, e non è che l’inizio.
In Italia il 93% degli attacchi è ransomware, ovvero rivolti ad un riscatto per rientrare in possesso di dati e operatività.
A essere colpiti non sono solo le istituzioni ma soprattutto le imprese, in crescita del 150% rispetto al 2021.
A un simile attacco massiccio, destinato ad aumentare, non si può pensare di vivere sperando nella buona sorte.
Le porte aperte al nemico, infatti, sono causate quasi sempre da sistemi inefficienti o da leggerezza da parte di dipendenti.
Occorre prepararsi per tempo, prima che ci si trovi con il problema, e tutte le soluzioni sono preventive.
Tre sono le principali attenzioni: sistemi aggiornati e adeguati, una corretta formazione di tutto il personale con osservanza delle regole e una robusta copertura che garantisca la azienda da tutte le ricadute economiche, dirette e indirette.
Questi tre temi vanno affrontati seriamente per mettere in sicurezza le aziende, sempre più digital e sempre più in cloud.

Per leggere tutto l’articolo:

Guerra cibernetica, prepariamoci bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *