21/06/2024

Inail e datore di lavoro, un difficile rapporto

0

Inail e datore di lavoro, un difficile rapporto. È vero che l’INAIL ha il compito di tutelare i lavoratori in caso di infortuni sul lavoro, ma l’articolo 2049 del Codice Civile italiano e il principio della “culpa in vigilando” impongono anche una responsabilità agli amministratori e ai titolari delle aziende per garantire un ambiente di lavoro sicuro.

L’articolo 2049 del Codice Civile stabilisce

che il datore di lavoro è responsabile dei danni causati ai dipendenti nell’esercizio dell’attività lavorativa, a meno che non provi di aver adottato tutte le misure necessarie per evitare il danno.

Questo principio impone al datore di lavoro di adottare tutte le misure ragionevoli per prevenire infortuni sul lavoro e garantire un ambiente lavorativo sicuro.

La “culpa in vigilando”

è un principio giuridico che implica che il datore di lavoro è responsabile per i danni causati ai dipendenti se non ha esercitato la dovuta diligenza nella sorveglianza e nel controllo delle attività lavorative.

Ciò significa che il datore di lavoro deve essere vigile e prendere tutte le precauzioni ragionevoli per prevenire situazioni che potrebbero portare a incidenti sul lavoro.

Quando un lavoratore subisce un infortunio sul lavoro,

l’INAIL fornisce una copertura assicurativa che comprende assistenza sanitaria, indennità giornaliere per l’assenza dal lavoro e, se necessario, una rendita in caso di invalidità permanente o di morte.

LEGGI ANCHE: L’Importanza dell’Analisi SWOT per le PMI

Tuttavia, se viene accertato che l’infortunio è avvenuto a causa di una negligenza o di una mancanza di sicurezza da parte del datore di lavoro, l’INAIL ha il diritto di rivalersi sull’azienda per il pagamento delle indennità erogate al lavoratore.

Gli amministratori e i titolari delle aziende

hanno quindi l’obbligo legale di adottare tutte le misure necessarie per garantire un ambiente di lavoro sicuro al fine di evitare infortuni e potenziali rivalse da parte dell’INAIL. Ciò include l’implementazione di protocolli di sicurezza, la fornitura di formazione adeguata ai dipendenti e la supervisione costante delle condizioni di lavoro.
Quando l’INAIL richiede una rivalsa basata sull’articolo 2049 del Codice Civile e invoca il principio della “culpa in vigilando”, il datore di lavoro ha la responsabilità di dimostrare di aver adottato tutte le misure ragionevoli per prevenire l’infortunio sul lavoro.

Tuttavia, ci sono circostanze in cui il datore di lavoro può contestare la rivalsa e l’accusa di negligenza:
Adozione di misure preventive Il datore di lavoro può dimostrare di aver messo in atto tutte le misure preventive ragionevoli per garantire un ambiente di lavoro sicuro.

Questo potrebbe includere l’implementazione di protocolli di sicurezza, la formazione dei dipendenti, la manutenzione regolare delle attrezzature e la supervisione costante delle attività lavorative.
Fattori al di fuori del controllo del datore di lavoro Se l’infortunio sul lavoro è stato causato da circostanze al di fuori del controllo del datore di lavoro, come eventi naturali imprevedibili o azioni di terzi, il datore di lavoro potrebbe essere esentato dalla responsabilità.

Manutenzione della prova Il datore di lavoro ha il compito

di mantenere documentazione accurata e prove delle misure di sicurezza adottate e della formazione fornita ai dipendenti. Queste prove possono essere utilizzate per difendersi dall’accusa di negligenza.

Per leggere tutto l’articolo:
https://www.simontacchi.net/strategia/inail-e-datore-di-lavoro-un-difficile-rapporto/

Avete letto Inail e datore di lavoro, un difficile rapporto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *