Settembre 30, 2022

Nuova era PMI

Siamo al terzo anno di crisi a cui seguirà probabilmente un quarto, Covid prima e guerra poi hanno generato uno stormo di cigni neri.
Il futuro non appare nemmeno libero da ulteriori tempeste, citiamo ad esempio:
• cambiamento climatico
• venti di guerra in Asia
• tensioni nei Balcani
• stretta dei fondi sulla fintech
• bolla delle criptovalute
• inflazione in impennata
• crisi energetica
Ci fermiamo qui per non creare pessimismo, vorremmo invece dare un senso di realtà.
Le statistiche nel 2017 davano la preoccupazione di approvvigionamento finanziario per le PMI al 8% mentre ricerca di nuova clientela era al 24%, tre volte tanto. La prosperità era vista in funzione del nuovo business.
Oggi nel 2022 la situazione è profondamente cambiata: l’accesso al credito è divenuto estremamente selettivo, oltre a un ottimo bilancio, almeno nella sua composizione, si deve anche garantire una buona trasparenza sui bilancini periodici e soprattutto business plan concreti e dimostrabili, oltre a una centrale rischi immacolata.
L’approvvigionamento finanziario oggi sta diventando la prima preoccupazione per le PMI, in mancanza di una ottima patrimonializzazione l’accesso al capitale di terzi è vitale.
Le PMI stanno agendo, a volte subendo, una profonda trasformazione che senza una pianificazione strutturata, anche nel medio lungo, potrebbe non garantire la necessaria competitività per reggere le repentine e profonde variazioni dei mercati.
Per leggere tutto l’articolo:

Nuova era PMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.