23/06/2024

Ondata di calore, 40 gradi, ma è solo l’inizio

Ondata di caldo record: estate bollente in arrivo. Temperature roventi nel Sud e in Sicilia, temporali al Nord. Possibili picchi di calore sopra i 40 gradi. Precauzioni necessarie.

Ondata di calore, 40 gradi, ma è solo l'inizio
Ondata di calore, 40 gradi, ma è solo l’inizio

 

Ondata di calore, 40 gradi, ma è solo l’inizio. L’Estate 2024 si fa sentire e il caldo al Sud potrebbe durare a lungo e diventare ancora più intenso.

 

L’ondata di caldo è arrivata in anticipo

quest’anno, con temperature che raggiungono picchi di 40 gradi già nella prima settimana di giugno. Ma il peggio deve ancora arrivare. L’espansione dell’anticiclone africano sul Mediterraneo Centrale sta portando un’ondata di caldo intenso su gran parte d’Italia, con il Sud che potrebbe subire gli effetti più intensi e duraturi.

 

Dopo un periodo di tempo instabile,

soprattutto al Nord, le temperature sono finalmente in aumento. Le regioni meridionali, in particolare l’estremo Sud e l’interno della Sicilia, si preparano ad affrontare picchi di caldo prossimi ai 40 gradi. Non abbiamo nemmeno il tempo di abituarci al primo caldo estivo significativo che siamo subito investiti da una fornace africana.

 

Al contrario, al Nord, l’arrivo dei temporali

produrrà una flessione termica e un po’ di sollievo dal caldo intenso. La contrapposizione tra l’instabilità al Nord e il caldo feroce al Sud continuerà anche nella prossima settimana, con la possibilità di picchi sopra i 40 gradi, soprattutto nell’interno della Sicilia Orientale.

 

Fortunatamente, verso metà settimana,

il caldo africano dovrebbe attenuarsi, portando un po’ di refrigerio anche all’estremo Sud. Tuttavia, non sarà una tregua duratura, poiché ci si aspetta una nuova rimonta di caldo sahariano verso la fine della prossima settimana. Il Sud Italia potrebbe quindi continuare a essere diviso tra temperature estreme e un clima più mite.

 

Quest’inizio d’Estate

è caratterizzato dal coinvolgimento del Mediterraneo Centro-Orientale nel caldo, mentre l’Europa Centro-Occidentale sembra essere risparmiata. È ancora presto per dire se questo trend continuerà nel tempo, ma al momento la circolazione fresca al nord delle Alpi sembra non voler cedere.

 

Le estati di una volta,

con l’anticiclone delle Azzorre e caldo moderato, sembrano ormai un lontano ricordo. A partire dagli anni 2000, a causa del riscaldamento globale e di altri fattori climatici, l’anticiclone africano ha preso il sopravvento, portando con sé caldo molto intenso.

 

Con i cambiamenti climatici in corso,

ci si aspetta che le ondate di calore diventino sempre più frequenti e intense. Gli enti meteorologici e di difesa hanno quindi lanciato avvisi per l’estate imminente, mettendo in guardia sulla possibilità di caldo estremo e picchi eccezionali. È importante prendere precauzioni e proteggersi dal caldo, soprattutto nelle regioni più colpite.

 

L’estate è appena iniziata

e il caldo si fa sentire, ma dobbiamo prepararci ad affrontare un’estate che potrebbe essere ancora più calda e intensa di quanto immaginiamo.

 

Avete letto Ondata di calore, 40 gradi, ma è solo l’inizio